Preghiera quotidiana: 15 ottobre 2019

Nella giornata di oggi, martedì 15 ottobre, si celebra Santa Teresa d’Avila.

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro»

La preghiera per la giornata odierna

PREGHIERA A SANTA TERESA D’AVILA

O Santa Teresa, che attraverso la tua costanza nella preghiera, raggiungesti le più alte vette della contemplazione e sei stata additata dalla Chiesa quale maestra di orazione, ottienici dal Signore la grazia di imparare il tuo stile di preghiera per poter raggiungere come te quell’intimo rapporto di amicizia con Dio dal quale sappiamo di essere amati.

1. Amabilissimo Signor nostro Gesù Cristo, vi ringraziamo del gran dono dell’amor di Dio concesso alla vostra diletta S. Teresa; e per i meriti vostri e di questa vostra amantissima sposa Teresa, vi preghiamo di concederci la grande e necessaria grazia del vostro perfetto amore.

Pater, Ave, Gloria

2. Dolcissimo Signore nostro Gesù Cristo, vi ringraziamo del dono elargito alla vostra diletta S.Teresa della tenera devozione alla vostra Madre dolcissima Maria, ed al vostro padre putativo S. Giuseppe; e per i meriti vostri e di questa vostra santa sposa Teresa vi preghiamo di darci la grazia d’una speciale e tenera devozione verso la nostra Madre celeste Maria SS. ed il nostro grande protettore S. Giuseppe.

Pater, Ave, Gloria

3. Amorosissimo Signore nostro Gesù Cristo, vi ringraziamo per il singolare privilegio concesso alla vostra diletta S.Teresa della ferita del cuore; e per i meriti vostri e di questa vostra santa sposa Teresa vi preghiamo di donarci una simile ferita d’amore, ed esaudirci, dandoci quelle grazie che per sua intercessione vi chiediamo.

Pater, Ave, Gloria

SPUNTI DI RIFLESSIONE

“Io non mi vergogno del Vangelo, poiché è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede” Rm.1,16

Come vivere questa Parola?

La Parola di Dio, riesce a scavare là dove trova cuori disponibili, facendo emergere quell’impronta divina che neppure il peccato riesce a cancellare. Anche ai nostri giorni non mancano figure luminose che, come Paolo di Tarso, lungo i secoli hanno testimoniato il loro essere stati conquistati dal Vangelo. Infatti la loro vita si è trasformata fino a diventare quella di autentici cristiani apostoli. Sì, essi dicono con la vita che “non si vergognano del Vangelo”. È la vita che ne dà prova.

Se vivo la mia vita attento a non rivelarmi in pubblico, cercando di mimetizzarmi il più possibile in una società dove i valori cristiani sono irrisi, allineandomi con le scelte che vanno per la maggiore anche se contro coscienza, posso dire che “non mi vergogno del Vangelo”?

Signore Gesù, concedimi la grazia di lasciarmi permeare dal Vangelo, così che la mia vita trovi la forza del “lievito” immesso nella “massa di un mondo scristianizzato.